Prezzi dei medicamenti: curafutura si rammarica della decisione poco coraggiosa del Consiglio federale

Con delusione di curafutura, il Consiglio federale ha deciso il 1 febbario di mantenere la prassi attuale del riesame triennale dei prezzi dei medicamenti. L’attuale disparità di trattamento di aziende o medicamenti e il ritardo nella capacità di reazione alle riduzioni dei prezzi o alle variazioni dei cambi rimangono inalterati, a spese degli assicurati. curafutura considera inoltre eccessiva la consegna annuale di dati dettagliati dei pazienti all’UFSP per il rimborso dei medicamenti nel singolo caso. 

«Con la decisione odierna sulla modifica dell’Ordinanza sull’assicurazione malattie (OAMal) e dell’Ordinanza sulle prestazioni (Opre), il Consiglio federale ha perso una grande opportunità per adottare strumenti efficaci in grado di contenere i costi nel settore dei medicamenti» sottolinea Pius Zängerle, direttore di curafutura. 

curafutura continua a chiedere un riesame annuale dei prezzi dei medicamenti che risulta fattibile con l’impiego di soluzioni informatiche innovative. curafutura valuta positivamente la decisione del Consiglio federale di introdurre regole più severe per la valutazione dell’economicità dei prezzi dei medicamenti. Oltre al confronto dei prezzi con l’estero, nella verifica delle condizioni di ammissione viene tenuto conto anche del confronto terapeutico trasversale.

curafutura si rammarica del fatto che per il confronto terapeutico trasversale si continui a fare riferimento solo ai medicamenti e non ai costi dei trattamenti alternativi. Riguardo all’adeguamento delle riduzioni dei prezzi per i generici, il Consiglio federale ha scelto una soluzione minima. curafutura aveva chiesto maggiori riduzioni dei prezzi. In questo ambito curafutura sostiene il passaggio annunciato a un sistema di prezzi di riferimento. 

curafutura esprime infine incomprensione per la decisione del Consiglio federale di rinunciare, per quanto concerne i rimborsi dei prezzi dei medicamenti nel singolo caso (OAMal art. 71a/71b), all'introduzione di un ufficio di conciliazione. Se i produttori e gli assicuratori non riescono ad accordarsi sul rimborso di un medicamento, un ufficio di conciliazione avrebbe creato una possibilità favorevole per fissare il prezzo del medicamento e assicurare così ai pazienti interessati l’accesso a una terapia assolutamente necessaria e importante. 

Contatto per operatori dei media:

Pius Zängerle, direttore
Telefono: 031 310 01 84; tel. mobile: 079 653 12 60; pius.zaengerle(at)curafutura.ch

Andrea Arcidiacono, responsabile comunicazione
Telefono: 031 310 01 85; cellulare; 079 830 57 44; andrea.arcidiacono(at)curafutura.ch

stampare pdf
06.11.2019

twittercurafutura

Die Tardoc-Gutachten von:

- Prof. Urs Saxer: ✅

- Prof. Bernhard Rütsche: ✅

- ...und jetzt Prof. Tomas Poledna in de… https://t.co/dVBYtHiUuI

Prezzi dei medicamenti: curafutura si rammarica della decisione poco coraggiosa del Consiglio federale

Con delusione di curafutura, il Consiglio federale ha deciso il 1 febbario di mantenere la prassi attuale del riesame triennale dei prezzi dei medicamenti. L’attuale disparità di trattamento di aziende o medicamenti e il ritardo nella capacità di reazione alle riduzioni dei prezzi o alle variazioni dei cambi rimangono inalterati, a spese degli assicurati. curafutura considera inoltre eccessiva la consegna annuale di dati dettagliati dei pazienti all’UFSP per il rimborso dei medicamenti nel singolo caso. 

«Con la decisione odierna sulla modifica dell’Ordinanza sull’assicurazione malattie (OAMal) e dell’Ordinanza sulle prestazioni (Opre), il Consiglio federale ha perso una grande opportunità per adottare strumenti efficaci in grado di contenere i costi nel settore dei medicamenti» sottolinea Pius Zängerle, direttore di curafutura. 

curafutura continua a chiedere un riesame annuale dei prezzi dei medicamenti che risulta fattibile con l’impiego di soluzioni informatiche innovative. curafutura valuta positivamente la decisione del Consiglio federale di introdurre regole più severe per la valutazione dell’economicità dei prezzi dei medicamenti. Oltre al confronto dei prezzi con l’estero, nella verifica delle condizioni di ammissione viene tenuto conto anche del confronto terapeutico trasversale.

curafutura si rammarica del fatto che per il confronto terapeutico trasversale si continui a fare riferimento solo ai medicamenti e non ai costi dei trattamenti alternativi. Riguardo all’adeguamento delle riduzioni dei prezzi per i generici, il Consiglio federale ha scelto una soluzione minima. curafutura aveva chiesto maggiori riduzioni dei prezzi. In questo ambito curafutura sostiene il passaggio annunciato a un sistema di prezzi di riferimento. 

curafutura esprime infine incomprensione per la decisione del Consiglio federale di rinunciare, per quanto concerne i rimborsi dei prezzi dei medicamenti nel singolo caso (OAMal art. 71a/71b), all'introduzione di un ufficio di conciliazione. Se i produttori e gli assicuratori non riescono ad accordarsi sul rimborso di un medicamento, un ufficio di conciliazione avrebbe creato una possibilità favorevole per fissare il prezzo del medicamento e assicurare così ai pazienti interessati l’accesso a una terapia assolutamente necessaria e importante. 

Contatto per operatori dei media:

Pius Zängerle, direttore
Telefono: 031 310 01 84; tel. mobile: 079 653 12 60; pius.zaengerle(at)curafutura.ch

Andrea Arcidiacono, responsabile comunicazione
Telefono: 031 310 01 85; cellulare; 079 830 57 44; andrea.arcidiacono(at)curafutura.ch

stampare pdf