Posizione: Strutture tariffali per le prestazioni mediche ambulatoriali

Berna/ , 25 Aprile 2022

Dopo sette anni di lavori, nell’estate del 2019 i partner tariffali – curafutura (dal 2015), FMH, H+ (fino al 2018) e CTM – hanno completato la revisione del tariffario delle prestazioni mediche ambulatoriali e hanno proposto una nuova soluzione, TARDOC, che contempla tra l’altro nuove regole di applicazione e di fatturazione nonché linee guida per il riconoscimento del diritto di fatturazione (concetti di unità funzionali e valore intrinseco).

Il risultato dei lavori di revisione include il TARDOC, una struttura tariffaria per singola prestazione aggiornata, adeguata e completa per quanto attiene ai contenuti delle prestazioni e ai parametri del modello tariffario. Questo risultato è stato possibile grazie alla creazione, nel 2016, della società ats-tms AG, che ha portato avanti i lavori di revisione. Nell’ambito della struttura tariffaria condivisa, i partner tariffali TARDOC hanno inoltre concordato le modalità della futura cooperazione e definito i compiti del segretariato, le regole per l’aggiornamento continuo delle tariffe e per il monitoraggio. Poiché il consiglio di amministrazionedi ats-tms AG delibera a maggioranza, si creano i presupposti per garantire lo sviluppo mirato di TARDOC anche dopo la sua introduzione.

Il 12 luglio 2019 la FMH e curafutura hanno presentato al Consiglio federale il nuovo tariffario TARDOC con la convenzione tariffale LAMal. Da allora la domanda di approvazione è stata completata con le seguenti integrazioni:

  • Il 25 giugno 2020 curafutura e FMH hanno inoltrato un piano condiviso per garantire la neutralità dei costi nel passaggio al TARDOC, la conferma dell’adesione di Swica alla convenzione TARDOC e la decisione di quest’ultima di partecipare ai lavori futuri. L’adesione di Swica ha permesso di raggiungere la maggioranza di soggetti finanziatori (51%).
  • Il 30 marzo 2021 sono state trasmesse informazioni supplementari e alcuni adeguamenti (in particolare l’estensione della garanzia di neutralità dei costi a due anni). Con essi curafutura e FMH hanno soddisfatto tutte le raccomandazioni formulate dall’Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP) nel suo rapporto di esame. Questa seconda integrazione spianava già la strada all’approvazione.
  • Il 21 dicembre 2021 curafutura e FMH hanno trasmesso altri miglioramenti e aggiornamenti delle basi con i dati di tutti i fornitori di prestazioni. Il 30 giugno 2021 il Consiglio federale ha invitato tutti i partner tariffali a elaborare congiuntamente una versione ottimizzata di TARDOC e a trasmetterla entro la fine del 2022. Malgrado gli intensi sforzi messi in campo da curafutura e FMH, H+ e santésuisse non si sono associate.