Finanziamento uniforme (EFAS)

Il finanziamento uniforme delle prestazioni ambulatoriali e stazionarie, noto con la sigla EFAS, offre una serie di vantaggi:

In breve
Attualmente le cure ambulatoriali e stazionarie coperte dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) non sono finanziate in modo uniforme. Le prestazioni stazionarie vengono finanziate dagli assicuratori malattie e dai Cantoni in base a un sistema duale con ripartizione fissa, dove i Cantoni – e quindi i contribuenti – si assumono il 55% dei costi e gli assicuratori malattia – e quindi gli assicurati – il restante 45%.

Le prestazioni ambulatoriali, invece, vengono finanziate integralmente dagli assicurati.

Questo crea incentivi sbagliati

Il sistema di finanziamento differenziato genera incentivi negativi. La decisione sul tipo di prestazione (stazionaria o ambulatoriale) non dev’essere influenzata da incentivi negativi di tipo finanziario, ma va presa in base a criteri medici e in funzione del paziente.

Fintanto che un intervento in regime ambulatoriale costa il 45% in più di un trattamento ospedaliero equivalente, gli assicuratori malattia non sono motivati a esigere una prestazione ambulatoriale, anche se questa opzione può risultare più conveniente alla luce dei costi totali. Questo perché sarebbe contrario agli interessi dei loro assicurati.

La soluzione: introdurre il finanziamento uniforme delle prestazioni ambulatoriali e stazionarie
curafutura sostiene l’introduzione in tempi brevi del finanziamento uniforme delle prestazioni ambulatoriali e stazionarie nel settore delle cure acute perché permette di ridurre il carico che grava sugli assicurati e sui contribuenti.

Il finanziamento uniforme ha effetti positivi. Ecco quali
Effetti positivi voluti:

  • trasferimento di prestazioni dal settore ospedaliero a quello ambulatoriale
  • promozione delle cure integrate
  • sviluppo di modelli di assicurazione alternativi
  • aumento della trasparenza