curafutura

Print

Presa di posizione sulla modifica della LAMal concernente le franchigie opzionali «Durata minima di tre anni» open

curafutura respinge fermamente il progetto di legge della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale. L’impegno contrattuale di tre anni per tutti gli assicurati con franchigia opzionale riduce la responsabilità individuale e aumenta i costi della sanità. Questo testo è disponibile solo in lingua tedesca.

dettagli

Franchigie opzionali: un contratto triennale fisso indebolisce la responsabilità individuale open

La Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale propone di abrogare la possibilità di cambiare la franchigia opzionale ogni anno e di introdurre contratti triennali fissi. curafutura è fermamente contraria a questa modifica della legge sull’assicurazione malattie poiché ritiene che vincolare gli assicurati per tre anni indebolisca la responsabilità individuale anziché rafforzarla.

dettagli

La sovramedicalizzazione – Quando fare di più non è fare meglio open

Alla presenza di oltre centro persone sì è tenuta ieri sera a Lugano una Conferenza organizzata da curafutura in collaborazione con l’EOC e l’ACSI.

dettagli

Presa di posizione sulla modifica dell'Ordinanza sulle prestazioni (OPre) «precedenza delle cure ambulatoriali su quelle stazionarie» open

curafutura prende posizione sull’introduzione di una lista di interventi ambulatoriali nell'Ordinanza sulle prestazioni (OPre).

dettagli

La sovramedicalizzazione – Quando fare di più non è fare meglio open

Talvolta l’abbondanza di trattamenti va a scapito del portafoglio degli assicurati e può anche nuocere alla salute dei pazienti. Si stima che fino al 30% delle prestazioni mediche fornite in Svizzera siano inutili e talvolta addirittura
dannose. curafutura, in collaborazione con l’EOC e l’ACSI, propone una serata di riflessione sul tema. La Conferenza si terrà il 16 novembre 2017 alle 17:45 a Lugano (il programma è scaricabile sotto «dettagli»).

dettagli

No alla gestione strategica del settore ambulatoriale per i Cantoni senza una corresponsabilità finanziaria open

curafutura respinge il progetto sulle autorizzazioni così come è stato presentato. Attualmente mancano presupposti importanti per coinvolgere i Cantoni nella gestione strategica delle cure ambulatoriali. Il finanziamento uniforme del settore ambulatoriale e di quello stazionario è imprescindibile. Occorre inoltre interrogarsi sul fatto che il Consiglio federale limiti la libertà di medici, ospedali e assicuratori, tratti i fornitori di prestazioni in modo discriminatorio e crei ulteriori lungaggini burocratiche.

dettagli

Presa di posizione sulla revisione parziale della LAMal «Autorizzazione dei fornitori di prestazioni» open

curafutura respinge la revisione di legge. Questo testo è disponibile solo in lingua tedesca.

dettagli

Adeguamento della normativa di attuazione della legge sugli agenti terapeutici (LATer) – pacchetto di ordinanze sugli agenti terapeutici IV / OATer IV) – parere di curafutura open

Nell’ambito della consultazione sulle modifiche delle ordinanze relative alla legge sugli agenti terapeutici rivista curafutura respinge la formulazione delle disposizioni proposta nell’ordinanza concernente l’integrità e la trasparenza nel settore degli agenti terapeutici (OITAT) e la relativa modifica dell’ordinanza sull’assicurazione malattie (OAMal), in quanto ritiene che non corrispondano alla volontà del legislatore. curafutura propone una soluzione più liberale, pragmatica e improntata al partenariato che favorisce la negoziazione di condizioni vantaggiose, l’attribuzione di sconti o l’impiego dei fondi non trasferiti come sconti in programmi di promozione della qualità. Nella lettera al DFI figurano altri punti importanti che illustrano la posizione di curafutura.

dettagli

I premi 2018 nel segno dell’intervento tariffale del Consiglio federale open

Nessuna sorpresa per il 2018: i costi della salute continuano ad aumentare, e così anche i premi. La decisione del Consiglio federale di intervenire sulle tariffe del settore ambulatoriale (TARMED) permetterà di contenere l’incremento dei premi per il prossimo anno. Gli effetti potranno tuttavia essere garantiti a lungo termine solo se tutti gli interessati daranno il proprio contributo, ossia se anche i medici e gli ospedali assumeranno le proprie responsabilità in termini di costi. Per eliminare i disincentivi del sistema, bisognerà inoltre avviare la revisione del tariffario TARMED, ormai obsoleto.

dettagli

Il presidente di curafutura in Consiglio federale open

Oggi l’Assemblea federale ha eletto Ignazio Cassis, dal 2013 presidente di curafutura, in Consiglio federale. L’associazione e i suoi membri si congratulano per la prestigiosa nomina e formulano al neoconsigliere federale i migliori auguri per il nuovo incarico che assumerà il 1° novembre.

dettagli